Racchette Wilson: quali scegliere?

Tra le marche migliori e più utilizzate dai tennisti di tutto il mondo, non possiamo non prenderemo in esame le racchette Wilson che potrete acquistare molto semplicemente, anche dal principale portale di e-commerce al mondo, Amazon.

racchette wilson

Parlando di Wilson, quasi automaticamente, il giocatore che impersona in maniera quasi prepotente questa casa costruttrice risulta essere il pluri vincitore del torneo di Wimbledon, ovvero Roger Federer.

Proprio questo tipo di feeling che esiste tra il giocatore considerato il più grande di tutti i tempi dai vari critici di settore e la casa produttrice di racchette americana, con sede a Chicago, proporrei di iniziare la nostra analisi tecnica proprio dal modello scelto dal campione elvetico: la Racchetta Wilson Pro staff RF 97.

 

Racchetta Wilson: nuova Pro Staff RF 97.

La Nuova Pro Staff RF 97 Autograph, è stata progettata in stretta collaborazione con Federer, aggiungendo alcuni nuovi particolari al modello precedente.

racchette wilson pro staff rf 97

La prima cosa, più evidente, è la veste grafica della racchetta. Il colore, prima di tutto, nera, con dettagli incisi al laser che la impreziosiscono in maniera quasi maniacale, proprio come in titolare.

Wilson Pro Staff Rf97 Tns Frm W/O Cvr 3 Racchetta, Rosso/Nero (Rosso/Metallic Black)

Veniamo ora alla parte tecnica: il telaio con cui è stata forgiata, va incontro alle richieste della maggior parte dei tennisti che fanno agonismo, ovvero una grande rapidità di esecuzione, colpi precisi e grandissimo feeling a rete. La maggiore differenza col modello precedente, è una maggiore dimensione del profilo che permette di spingere ancora di più con meno fatica. Inoltre, a supportare ancora di più questa linea,  troviamo un peso di 360g che garantisce una grande stabilità anche nelle situazioni più difficili di gioco. Come tutte le racchette “PRO”, anche questa non è consigliabile a tutti.. Le caratteristiche viste prima vengono raggiunte avendo un gioco, come dice la parola, da professionista o comunque da amatore molto avanzato.

 

Racchetta Wilson: Blade 98 16×19.

La differenza sostanziale rispetto alla sua antenata, è la maggiore maneggevolezza in tutte le situazioni di gioco.

racchette wilson blade 98

Molto probabilmente tutto questo è dovuto al materiale con cui la nuova Blade è stata costruita.

Wilson Blade 98 16X19 Rkt

La scelta è ricaduta sulla graffite, capace di trasmettere una grande sensazione dal colpo. Inoltre le vibrazioni rilasciate sono molto contenute, specie se si utilizzano delle corde miste sull’incordatura.

Questo telaio, provato da diversi tennisti, ha dato sensazioni di grande equilibrio sia nel gioco piatto che nel top spin più spinto. Infatti, proprio la conformazione del piatto corde, permette con una certa facilità di giocare da fondo divertendosi parecchio.

I tennisti che prediligono maggiormente i colpi al volo, invece, faranno un pelino più fatica, anche se comunque si tratta sempre di un attrezzo dedito al gioco avanzato dei professionisti.

 

Racchetta Wilson: Burn 100 s.

Ora veniamo a parlare di una racchetta più specifica per i tennisti che amano giocare prevalentemente da fondo e in modo particolare applicando la tecnica dello spin. Stiamo analizzando la Wilson Burn 100 s.

racchette wilson burn 100

Questa racchetta infatti, è stata progettata in tutti i suoi particolari per favorire le giocate con un’alta rotazione di palla. Il piatto corde ha una dimensione di 18×16, quindi un attrezzo in grado aiutare molto il colpo arrotato, con una grande precisione d’esecuzione.

Wilson ha forgiato un telaio alquanto rigido che, in prima istanza può sembrare fastidioso, ma che se utilizzato con delle corde tendenti al morbido, permettono colpi molto potenti su tutti i colpi affrontati. Ma, sentendo le varie opinioni degli utilizzatori della Burn 100, pare che questa dia il meglio di se nel servizio. I colpi sono veramente potenti e la palla “esce” in maniera supersonica.

Wilson Burn 100 S Tns

Queste caratteristiche fanno si che anche in condizioni più critiche come la difesa, si riesca a trasformare uno stato di svantaggio in colpi di attacco che lasciano gli avversari totalmente spiazzati.

L’unico consiglio che mi sento di dare ai futuri possessori di questo telaio, è quello di utilizzare un’incordatura mista con budello naturale e sintetico che attenueranno un pochino quella sensazione di durezza e restituiranno un confort migliore.

Anche questa Burn, come le altre sorelle Wilson, è una racchetta da consigliare a giocatori dal livello avanzato, che ne sapranno esaltare tutte le doti di potenza, senza perderne il controllo.

Terminiamo la nostra analisi dei prodotti della Wilson con una racchetta che si avvicina ad un bacino di utilizzatori molto ampio, comprendendo anche giocatori che non hanno un’esperienza troppo avanzata, ma che non disdegnano colpi comunque decisi e incisivi.

 

Racchetta Wilson: Envy 100L.

Parliamo della Wilson Envy 100L,  telaio questo che deriva dalla versione Pro Open, ma molto più leggera e quindi maneggevole.

racchette wilson envy 100

Il peso totale non raggiunge i 270 g e raggiunge la sua bilanciata a circa 33 cm. La potenza che ne scaturisce è di livello medio e che riesce a raggiungere picchi decisi, in base alle corde che si decide di adottare.

Wilson Envy 100L

Il piatto corde è di 100 pollici, dimensione che garantisce una certa sicurezza di colpo in molte fasi di gioco. Il meglio lo da nel servizio, molto potente e preciso con qualsiasi corda si voglia applicare. Wilson, nel suo parco racchette, permette di sbizzarrirsi sulla scelta della propria “arma” con cui sfidare gli avversari ed essere sicuri, dopo un’accurata fase di test, di trovare sicuramente quella giusta.

 

 

elenco delle migliori racchette wilson

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply